Musica italiana, una specie da proteggere?