Trap, la “buona” musica dei cattivi maestri?