POESIA IN DIALETTO TRIESTINO DELLA CLASSE 2D SCUOLA PRIMARIA UMBERTO SABA TRIESTE

GITA

SALIMO SU PEL MONTE

PER VEDER LA ZITA’

LA BORA NE CORRI DRIO

DE QUA E DE LA’

LE FOIE CHE CASCA

GIRA PER L’ARIA

UN REMITUR SE CREA SUI MIEI PIE

PIAN PIAN CAMINEMO

PER TUTTO EL BOSCO

MA DRIO DE  NOI XE LA BORA

FELICE DE SUFFIAR SUL MAR

MENTRE UNA FOIA SVOLERA’

GUARDEREMO LA NOSTRA ZITA’

LE BARCHE E LE VELE SUL MAR CIARO

 

CON A GUARDIA EL FARO

A BARCOLA LA FONTANA

LONTAN LONTAN

E IL CASTEL DE MIRAMAR

CHE AL MAR SE VOL AVVIZINAR

IL SOL CHE SCOTA E NOI

RIVEMO

PIAN PIAN SEMO VIZIN

E ALLA BORA SE COMPAGNEMO.

 

 

 

GITA

SALIAMO SUL MONTE

PER VEDERE LA CITTA’

LA BORA CI INSEGUE

DI QUA E DI LA’

LE FOGLIE CADENTI

GIRANO NELL’ARIA

UN VORTICE AI MIEI PIEDI  SI CREA.

PIAN PIANO CAMMINIAMO

TUTTO IL BOSCO PERCORRIAMO

MA ALLE NOSTRE SPALLE C’E’ LA BORA

FELICE DI SOFFIARE SUL MARE .

MENTRE UNA FOGLIA VOLERA’

GUARDEREMO LA NOSTRA CITTA’

LE BARCHE E LE VELE SUL MARE CHIARO,

CON A GUARDIA  IL FARO.

A  BARCOLA  LA FONTANA

LONTANA LONTANA,

E IL CASTELLO DI MIRAMARE

CHE AL MARE SI VUOLE AVVICINARE.

IL SOLE CHE SCOTTA E NOI ARRIVIAMO

PIANO PIANO CI AVVICINIAMO

E ALLA  BORA CI ACCOMPAGNIAMO.

 

 

I BAMBINI DELLA 2 D