Coronavirus. Dobbiamo darci una mano senza darci la mano