“Primavera”, poesia nella lingua dei segni